Sigle internazionali

venerdì 29 marzo 2013

Pasqua in Ungheria, Polonia e Slovacchia


La Pasqua in Ungheria, Polonia e Slovacchia, raccontata rispettivamente da Gyorgyi, Agnieszka e Jaroslava.


In Ungheria e in Polonia hanno una tradizione molto particolare, guardate:


Ungheria:


Polonia:



In Polonia "Il Lunedi di Pasqua, detto la Seconda Festa, la tradizione vuole 

che gli uomini aspergano d’acqua le donne. A volte i ragazzi, soprattutto in 

campagna, inseguono le ragazze cercando di fare loro delle vere e proprie 

docce." 




Sempre in Polonia, protagonisti della Pasqua "le palme" che Agnieszka racconta così:  "Le palme sono fatte con fiori secchi o fiori di carta colorata e rametti di salice ("kotki" - gattini). In alcune regioni "le palme" arrivano fino a qualche metro di lunghezza!"


Racconta Gyorgyi: Da noi in Ungheria, a Pasquetta si "annaffiano" le donne, che sono come i fiori... Una volta si usavano i secchi d'acqua, oggi qualche goccia di profumo. " Questo è invece il dolce tipico ungherese come quello che faceva mia nonna, e ora anch'io!" e sotto le famose uova rosse e "ricamate" ungheresi."  




Kellemes Húsvéti Ünnepeket!


Dalla Slovacchia, Jara ci manda il cesto di Pasqua pieno di cibi tradizionali che viene benedetto durante la messa:



Anche in Slovacchia i ragazzi "cospargono di acqua" le ragazze a Pasquetta che loro chiamano "la grande notte di lunedì", ma la cosa più curiosa forse, è che il giovedì santo in Slovacchia si chiama "giovedì verde" e "ogni cosa che il contadino mangiava quel giorno, lo avrebbe mangiato per il resto dell'anno perché sarebbe cresciuto prosperoso nei campi". 


(foto dal sito buongiono slovacchia)





Nessun commento:

Posta un commento